Home News Sampdoria Sampdoria, truffa e appropriazione indebita: beni sequestrati a Ferrero

Sampdoria, truffa e appropriazione indebita: beni sequestrati a Ferrero

314
CONDIVIDI
Massimo Ferrero

NOTIZIE SAMPDORIA FERRERO – Guai per Massimo Ferrero: la Guardia di Finanzia sta eseguendo un decreto di sequestro nei confronti del presidente della Sampdoria, coinvolto in un’indagine del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria. I reati ipotizzati sarebbero: appropriazione indebita, truffa, emissione e utilizzo di fatture false, autoriciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita.

Oltre 2,6 milioni di euro: è questo secondo il sequestro preventivo disposto dal gip del Tribunale di Roma su richiesta della Procura locale e riguarda la Sampdoria, Ferrero e altri cinque indagati. Il club blucerchiato è destinatario di un sequestro di oltre 200mila euro, corrispondente al reato tributario accertato. Sequestrate le disponibilità finanziarie riferibili agli indagati, spunta un immobile residenziale di pregio a Firenze.

La Procura della Federcalcio, guidata da Giuseppe Pecoraro, ha aperto un fascicolo sul presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, a seguito del sequestro di beni da parte della Guardia di Finanza che ipotizza emissione di fatture false e appropriazione indebita nella vendita di Obiang al West Ham. Contatti sono già stati avviati con la Procura di Roma, e al più presto saranno acquisiti gli atti dell’inchiesta a carico di Ferrero.

(Ansa)