Home News Roma Roma, Mirante: “Sono la giusta spalla di Alisson. I giallorossi un punto...

Roma, Mirante: “Sono la giusta spalla di Alisson. I giallorossi un punto d’arrivo”

197
CONDIVIDI
Antonio Mirante

NOTIZIE AS ROMA MIRANTE – Antonio Mirante, neo portiere della Roma, è stato presentato alla stampa. Queste le sue dichiarazioni:

Cosa rappresenta la Roma?
Rappresenta un punto d’arrivo importante per me, ma anche un’ambizione e un confronto con una squadra importante. Ho fatto il settore giovanile in una squadra importante, ora ci arrivo da uomo ed è motivo di grande soddisfazione. Ho voglia di lavorare ho voglia di dimostrare.

Savorani?
Sicuramente i miglioramenti dei portieri passati qui sono sotto gli occhi di tutti. E’ un allenatore che pretende tanto, è esigente, però allo stesso tempo dà grande attenzione alla tecnica, è una cosa che piace a me, è la base di ogni grande portiere. La crescita di Alisson è una conferma a tutto questo. Sicuramente ha avuto un grande impatto su di me, sia a livello tecnico che personale. Sta a me mettermi a disposizione e in discussione su alcuni metodi che sono cambiati rispetto agli anni precedenti. Il mio approccio sarà la disponibilità verso di lui.

Quando è stato vicino alla Roma?
Dopo il fallimento del Parma c’era stata qualche chiacchiera, così come nell’estate scorsa. La trattativa più concreta è quella di questa sessione di mercato e l’ho colta al volo. E’ una cosa che ho voluto fortemente, in questa sessione non aspettavo altro.

Una cosa che l’ha colpita?
La mentalità della squadra, che va molto forte. Abbiamo avuto subito un grande impatto, nessuno si risparmia e nei giovani c’è tanta qualità. La Roma ha lavorato benissimo, abbiamo qualità e tanto margine di miglioramento in quei ragazzi che sono stati presi e che a differenza della mia generazione sono già competitivi ad alti livelli.

Cosa può trasmettere ad Alisson?
Non lo so, vedendo quello che ha fatto l’anno scorso direi poco o niente. Trova un compagno con cui confrontarsi e che ha tante partite in serie A. Ci sono dei momenti in cui il portiere ha bisogno di una spalla, io poso esserlo. Ho 35 anni ma non è sinonimo di vecchiaia, credo di poter dare il mio contributo, questo mi fa avere l’ambizione di far bene tutti i giorni.