Home Calcio estero Moreno: “Trapattoni un codardo. Totti è un simulatore”

Moreno: “Trapattoni un codardo. Totti è un simulatore”

224
CONDIVIDI
Byron Moreno

MORENO ITALIA COREA MONDIALI 2002 – L’ex arbitro Byron Moreno ha rilasciato una lunga intervista a Futbol Sin Cassette, in cui racconta tutti gli episodi che, purtroppo, noi italiani ricordiamo bene. La partita in questione è ovviamente quella tra Italia e Corea del Sud nel 2002.

I rigori su Coco e Zambrotta: “Il taglio avviene dopo il contatto con Gattuso, lontano dalla palla. Non per un contatto con un coreano. Questa non l’avevo vista -indica quella mostrata nel video su Coco-, altrimenti lo avrei punito: c’era il corpo di un altro giocatore, era complicato. Gli assistenti erano Ratallino e Ferenc, non mi hanno supportato”.

“Sì, su Zambrotta era rigore, era fallo da rosso, senza dubbio. Lo ricordo bene, vicino alla panchina: il peggior nemico dell’arbitro è la tv. Ci sono 20 telecamere e tu sei solo, con due assistenti, non vidi dove lo colpì, se alto o basso. Voto alla partita? Mi darei otto”

Il rigore su Totti: “C’è un giocatore che vuole danneggiare l’azione ed è Totti. Il coreano tocca prima il pallone e poi Totti. Lui prende prima la palla, non Totti che va giù dopo. Abbiamo fatto un seminario a Seoul sui falli in area e c’era una giocata di Italia-Camerun: il camerunese va a cercare la palla, l’italiano cerca il contatto e il rigore. Poi, nell’occasione, alzo lo sguardo e non vedo il mio assistente, pensò anche lui alla simulazione”.

“Non posso mettere la mano sul fuoco per i miei assistenti in quella partita. Non ho capito perché non mi hanno messo con Fierro, abbiamo lavorato tanto insieme e ci capivamo con uno sguardo. Era l’assistente di linea uno, non ho capito perché Bomber non fosse con me. Mi ha sorpreso la decisione della FIFA. Non posso parlare male di Jorge Angel-Sanchez, che veniva da Corea-Portogallo, dove c’erano stati problemi. Mi è sembrato strano che fosse con me in quella partita, altri sono stati mandati a casa”.

Su Trapattoni: “Ho chiesto di parlare con Totti e Trapattoni dopo la partita, nessuno ha voluto. Se ho danneggiato l’Italia? No. Non l’ho fatto. Posso non aver visto dei rossi ma non ho danneggiato l’Italia. Non c’era rigore su Totti, non c’è stato niente di strano, le decisioni sono state chiare. Trapattoni è stato un codardo: espulso Totti, ha messo Tommasi, l’unico capace di attaccare era Del Piero. E’ stato un codardo come sempre”.