Home Champions League Champions League: l’Inter cade col Tottenham. Tris del Napoli

Champions League: l’Inter cade col Tottenham. Tris del Napoli

180
CONDIVIDI

CHAMPIONS LEAGUE NAPOLI INTER – Tutto rimandato. L’Inter perde 1-0 in casa del Tottenham e viene scavalcato dalla squadra di Pochettino al secondo posto del Gruppo B. I nerazzurri sono ancora in corsa per la qualificazione agli ottavi ma una vittoria tra due settimane contro il PSV a San Siro potrebbe non bastare.

Il Napoli, invece, vince per 3-1 in casa contro la Stella Rossa ma complice il successo del PSG è costretto a giocarsi la qualificazione ad Anfield contro il Liverpool. Gli uomini di Ancelotti per centrare il passaggio agli ottavi di finale possono persino permettersi di perdere con un solo gol di scarto.

TOTTENHAM-INTER 1-0

Come da copione, sono gli Spurs a fare la partita e a costruire le occasioni migliori. Lamela (19′) non trova per un soffio la porta con un diagonale dai venti metri, Handanovic (30′) è attento sulla conclusione rasoterra di Lucas al termine di un contropiede fulminante mentre Winks (38′) sorprende il portiere sloveno con un sinistro pennellato dal limite dell’area ma è la traversa a negargli il gol.

Ma se nel primo tempo nonostante tutti questi pericoli l’Inter non sembra mai dare l’impressione di essere in sofferenza, nella ripresa i nerazzurri rischiano di andare in apnea.

Dopo la deviazione sotto porta mancata da Skriniar (62′), gli Spurs sfiorano il vantaggio prima con un diagonale di Dele Alli fuori di poco e successivamente con un colpo di testa ravvicinato di Vertonghen che si spegne sul fondo.

A dieci minuti dalla fine l’episodio decisivo: Sissoko entra palla al piede in area di rigore e serve all’altezza del dischetto Dele Alli che a sua a volta libera alla conclusione l’accorrente Eriksen per il gol che sancisce il sorpasso in classifica.

FORMAZIONI

Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Aurier, Vertonghen, Alderweireld, Davies; Sissoko, Winks; Lamela (70′ Eriksen), Alli, Lucas Moura (62′ Son); Kane.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, de Vrij (82′ Miranda), Asamoah; Brozovic, Vecino; Politano, Nainggolan (44′ Borja Valero), Perisic; Icardi.

NAPOLI-STELLA ROSSA 3-1

Ci mette poco più di dieci minuti la squadra di Ancelotti per trovare quell’episodio decisivo mancato in campionato contro il Chievo: Maksimovic sul primo palo spizza un calcio d’angolo e Hamsik (11′) non deve fare altro che appoggiare in rete il pallone che vale il suo 121esimo gol con la maglia del Napoli.

Il Napoli crea altre tre nitide occasioni da gol prima del raddoppio siglato da Dries Mertens (33′) con una deviazione sottoporta sul cross di Mario Rui, ma deve ringraziare Ospina (23′) che legge in anticipo la conclusione ravvicinata di Simic chiudendo sul primo palo.

A inizio ripresa gli uomini di Ancelotti mettono in cassaforte la vittoria grazie alla doppietta personale di Dries Mertens: il belga (52′) aggancia in corsa il passaggio in profondità di Hamsik e appena entrato in area di rigore lascia partire una conclusione in diagonale che si infila all’incrocio dei pali.

La rete di Ben Nabouhane (57′) permette agi ospiti di accorciare le distanze ma non rovina la festa del Napoli che rimane imbattuto in questa Champions League e tra due settimane, proprio come l’Inter, potrebbe cogliere una qualificazione agli ottavi di finale impossibile da pronosticare al momento del sorteggio.

FORMAZIONI

Napoli (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Albiol (46′ Hysaj), Koulibaly, Mario Rui; Callejon (86′ Rog), Allan, Hamsik, Ruiz; Insigne (77′ Zielinski), Mertens. All. Ancelotti

Stella Rossa (4-2-3-1): Borjan; Gobeljic, Degenek, Babic, Rodic; Srnic (64′ Jovancic), Krsticic; Ben Nabouhane, Marin, Simic (77′ Ebecilio); Stojiljkovic (46′ Joveljic).